PRESENTAZIONE DEL PROGETTOOrigine del progetto, contesto di riferimento e individuazione delle problematiche

Nato come prosecuzione del lavoro avviato dal progetto strategico AERA-ALCOTRA, il progetto di cooperazione semplice PART’AERA si pone come obiettivo di continuare ad affrontare, a livello transfrontaliero, le problematiche connesse al miglioramento della qualità dell’aria.

Le regioni che formano lo spazio interessato dal progetto (AirPaca e Rhône-Alpes in Francia e Piemonte e Liguria in Italia) presentano numerose analogie sia per quanto riguarda le fonti di inquinamento (traffico veicolare, produzione di energia) che per l’orografia e le condizioni climatiche. La zona alpina di queste regioni subisce, ogni inverno, importanti episodi di inquinamento a causa di rilevanti emissioni in atmosfera di particolato, propiziati da una meteorologia ed orografia sfavorevoli alla dispersione.

Ogni anno, Francia ed Italia presentano di conseguenza superamenti dei limiti di legge europei ed in questo contesto l’UE impone agli stati di istituire efficaci piani d’azione per evitare contenziosi legali nei tribunali europei e pesanti sanzioni pecuniarie.

Nonostante le fonti d’inquinamento siano abbastanza ben identificate, esiste una grande lacuna inerente sia al contributo all’inquinamento stesso da parte delle diverse sorgenti che alla difficoltà d’interconfronto tra i paesi coinvolti, in quanto i metodi di analisi del particolato in Francia e in Italia sono diversi, quindi difficilmente confrontabili. Questa lacuna, conoscitiva e tecnica, impedisce l’armonizzazione delle politiche e dei piani di gestione comuni e transfrontalieri.

Obiettivi del progetto

Il progetto Part’Aera si propone come obiettivo principale di approfondire e armonizzare la conoscenza sui metodi di misura e sull’analisi dell’origine dell’inquinamento da polveri, al fine di fornire ai responsabili delle politiche pubbliche informazioni utili per identificare e padroneggiare efficaci strumenti di azione.

I partner del progetto sono:

  • Air PACA
  • Air Rhone Alpes
  • Arpa Piemonte
  • Regione Liguria - ARPAL.

Ogni partner gestirà una stazione per la misurazione dell’inquinamento dell’aria rappresentante una vasta area di fondo rurale o urbana del territorio di appartenenza.

Le misure sono state eseguite in accordo con la Direttiva Europea 2008/50/CE per la durata di un anno e riguarderanno:

Tali misure risultano necessarie per il confronto dei risultati delle analisi a livello transfrontaliero e per determinare, attraverso l’analisi di componenti particolari, il contributo delle sorgenti all’inquinamento originato.

PARTENARIATOI partners del progetto

AIR RHONE-ALPES

  • Denominazione: Air Rhone-Alpes [Capofila del progetto]
  • Natura giuridica: Association loi 1901
  • Indirizzo: 3 allée des Sorbiers - 69500 Bron, FRANCE

AIR PACA

  • Denominazione: Air PACA [Partner]
  • Natura giuridica: Association loi 1901
  • Indirizzo: 146 Rue Paradis - 13006 Marseille (13) FRANCE

ARPA PIEMONTE

  • Denominazione: ARPA Piemonte [Partner]
  • Natura giuridica: Ente Pubblico
  • Indirizzo: Via Pio VII, 9 - 10135 Torino (TO) ITALIA

REGIONE LIGURIA

  • Denominazione: Regione Liguria [Partner]
  • Natura giuridica: Ente Pubblico Territoriale
  • Indirizzo: Via D'Annunzio, 111 - 16121 Genova (GE) ITALIA

ARPAL LIGURIA

  • Denominazione: Arpal [Soggetto attuatore]
  • Natura giuridica: Ente Pubblico Territoriale
  • Indirizzo: Via Bombrini, 8 - 16149 Genova (GE) ITALIA

LE AZIONI PREVISTE DAL PROGETTO

Il progetto prevede che i vari partner stabiliscano delle azioni di pianificazione efficaci, di interscambio e interconfronto, volte a ridurre l’inquinamento transfrontaliero.

A1
AZIONE 1Scambio franco-italiano dei protocolli e delle procedure di misura e interconfronto

Per il campionamento e l’analisi del PM10 e PM2.5, le Regioni partner adottano sia tecniche di riferimento che metodi equivalenti (come previsto dalla direttiva 2008/50/CE. Anche se l’equivalenza potrebbe essere dimostrata a livello nazionale, i partner europei di PART’AERA necessitano di conferme sull’affidabilità dei risultati dei metodi equivalenti, tenendo conto delle sorgenti di inquinamento.

Azione 1.1. - Scambio dei protocolli e delle procedure di misura

Questa azione consiste nel fornire lo stato dell’arte delle metodologie impiegate per l’analisi del particolato atmosferico, sia nelle regioni italiane che in quelle francesi.

Descrizione delle attività

Risultati

Azione 1.2. - Interconfronto

I dati provenienti da due analizzatori automatici o campionatori gravimetrici totalmente identici possono essere diversi se tutta la catena metrologica non è identica, pur avendo lo stesso principio di misura e la medesima sensibilità.
Si è quindi deciso di operare una fase di interconfronto, installando la strumentazione dei 4 partner in uno stesso sito (Marsiglia) per un periodo di un mese (3 settembre – 3 ottobre 2014). Le condizioni ambientali, atmosferiche e metrologiche saranno pertanto identiche per tutti i partner, i quali potranno convalidare i risultati in condizioni rigorosamente identiche in termini di misure automatiche di PM10 e PM2.5 e di misure gravimetriche di PM10.

Descrizione delle attività

A2
AZIONE 2Scelta e validazione dei quattro siti di misura

Per la misurazione dell’inquinamento dell’aria ogni partner ha scelto una stazione rappresentativa del proprio territorio. La scelta dei siti di monitoraggio è stata validata secondo criteri condivisi e stabiliti, in modo che sia garantita la rappresentatività del sito e il rispetto delle indicazioni della Direttiva Europea 2008/50/CE.

Descrizione delle attività

Risultati

Siti scelti



Per maggiori informazioni sui siti di misura visita la sezione dedicata.

VAI ALLA SEZIONE

A3
AZIONE 3Componente metrologica: misure automatiche e gravimetria

Ogni sito scelto dai 4 partner di progetto è stato attrezzato per l’analisi degli inquinanti atmosferici, così come definito nell’azione 2.

La dotazione minima di per ogni sito prevede:

Questi dati, insieme alla speciazione (AZIONE 4), consentono di migliorare la comprensione del problema legato al particolato atmosferico nello spazio ALCOTRA, ma anche di costituire un database che permetterà di validare e calibrare l’inventario e il modello sviluppati per lo spazio ALCOTRA con il progetto AERA.

Descrizione delle attività

Risultati

A4
AZIONE 4Parte analitica: speciazione

In ogni sito è stato collocato un campionatore High Volume (HV) per la raccolta di campioni di PM10 (filtri). Le analisi di speciazione sono condotte dal laboratorio LGGE (Laboratoire de Glaciologie et de Géophysique de L’Environnement) in Francia.
Raccolti i dati, si provvederà alla creazione di un database contenente le concentrazioni dei composti/specie presenti nei campioni, il quale sarà la base da cui si svilupperanno le attività dell’AZIONE 5.

Descrizione delle attività

Determinazione quantitativa (con particolare attenzione alle componenti di origine secondaria o alle componenti primarie con caratteristiche di traccianti specifici) di alcuni composti

Risultati

A5
AZIONE 5Elaborazione dei dati

L’obiettivo di questa azione, in collaborazione con il laboratorio francese LGGE, è l’analisi dei risultati relativi al particolato fine ottenuti nell’ambito delle azioni 3 e 4, al fine di identificare le principali fonti di inquinamento dei 4 siti studiati.
L’analisi dei risultati consente una migliore comprensione delle sorgenti di particolato e dei fenomeni chimico-fisici che ne regolano la composizione sul territorio ALCOTRA. Queste conoscenze potranno essere utilizzate per adeguare il sistema modellistico usato nel progetto AERA, principalmente per quanto riguarda le concentrazioni di fondo e l’adeguamento dell’inventario delle emissioni.

Descrizione delle attività

LE MISURAZIONI DEI QUATTRO SITI

Visita la sezione dedicata alle misurazioni del particolato e suoi componenti effettuate durante il progetto dai quattro siti di misura di Marnaz (Air Rhone-Alpes), Aix-en-Provence (Air PACA), Torino Rubino (ARPA piemonte) e Cengio (Regione Liguria).

VAI ALLA SEZIONE

A6
AZIONE 6Gestione tecnica, amministrativa e finanziaria

Gli obiettivi per il coordinatore partner sono i seguenti:

Descrizione delle attività

Risultati