APPROFONDISCI I TEMI DEL PROGETTO

In questa sezione sono elencati i termini, a loro volta selezionati nel testo, che possono risultare utili a coloro che entrano in contatto con il tema del progetto.

AERA-ALCOTRA

Il progetto AERA ha l'obiettivo di fornire alle Regioni ed agli Enti strumenti per migliorare ed armonizzare le basi conoscitive e metodologiche relative ai processi di pianificazione della tutela della qualità dell'aria in modo da individuare strategie comuni di tutela nello spazio transfrontaliero.

Per maggiori informazioni: www.aera-alcotra.eu

Area di fondo

Area in cui i livelli di inquinamento dell’aria non è influenzato in modo diretto da specifiche sorgenti -quali ad esempio attività industriali o trasporti - ma dall’integrazione dei contributi delle diverse sorgenti. Le misure di qualità dell’aria in queste aree sono fondamentali per comprendere i meccanismi di evoluzione e trasporto degli inquinanti.

Area di fondo rurale

Aree di fondo site in zone agricole o naturali, con scarso grado di urbanizzazione, abbastanza lontane da importanti sorgenti emissive quali insediamenti industriali o agglomerati urbani.

Area di fondo urbana

Aree di fondo site in zone urbane, solitamente in quartieri residenziali o in parchi.

Biomasse (Combustioni da)

La direttiva direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell'uso dell’energia da fonti rinnovabili definisce le biomasse come "la frazione biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti dall'agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali), dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, comprese la pesca e l'acquacoltura, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani".

Campionamento ad alto volume (HV)

Per misurare il materiale particellare con il metodo gravimetrico, occorre aspirare un certo quantitativo di aria e farla passare attraverso un filtro. A parità di durata del campionamento, più volume di aria attraversa il filtro, maggiore quantità di particolato si raccoglie. Quando si deve analizzare il particolato per determinare sostanze presenti in concentrazioni molto basse (tracce) è opportuno utilizzare un campionatore ad alto volume (HV) che aspira 500 litri/minuto su filtri con diametro pari a 150 mm invece di un campionatore a basso volume la cui portata di aspirazione è pari a 2.3 litri/minuto su filtri con diametro pari a 47 mm .

Catena metrologica

Ogni volta che si misura qualcosa si effettua un confronto con un campione di riferimento. Ad esempio, se si misura la lunghezza di un bastone, si fa un confronto con un metro che a sua volta è stato costruito per confronto con un altro metro: risalendo tutta la catena si arriva fino al metro campione. Più la misura che si fa è complessa, maggiori sono i confronti che entrano in gioco. Una catena metrologica o catena di riferibilità è l’insieme di passaggi che collegano gli strumenti che si utilizzano ai campioni di riferimento e serve per verificare la bontà di una misura e per quantificare l’incertezza ad essa associata.

IPA

Idrocarburi Policiclici Aromatici (indicati anche come PAH), sono idrocarburi costituiti da due o più anelli aromatici condensati fra loro. Sono inquinanti atmosferici (e non solo) e si sviluppano durante le reazioni di combustione, in particolare di biomasse legnose e di carbone. La direttiva 2004/107/CE stabilisce un valore obiettivo in aria ambiente per il Benzo(a)pirene, come indicatore per l’intero gruppo, in quanto è uno dei più pericolosi per la salute.

Levoglucosano

E’ un composto organico che si forma durante la combustione della cellulosa. Viene utilizzato come marcatore del contributo della combustione del legno e delle altre biomasse vegetali nel materiale particellare.

Metodi equivalenti

Metodo alternativo a quello previsto dalla normativa vigente per di determinare la concentrazione di un inquinante in aria utilizzando una diversa proprietà fisica o chimica dell’inquinante stesso e di cui è stata dimostrata l’equivalenza al metodo di riferimento: deve essere dimostrato che i due metodi forniscano lo stesso risultato, anche in diverse situazioni, ad esempio a concentrazioni basse o alte.

Metodo automatico

Il metodo di riferimento per la misura delle concentrazioni di particolato in aria ha lo svantaggio di fornire i dati con un certo ritardo, perché il procedimento richiede dei tempi tecnici inevitabili. Sono quindi stati messi a punto metodi alternativi che possono fornire i dati con scansione temporale anche inferiore alle 24 ore. Ne deve essere dimostrata l’equivalenza al metodo di riferimento.

Metodo gravimetrico

Per misurare le concentrazioni del materiale particolato nell’aria, la direttiva 2008/50/CE stabilisce il metodo di campionamento e misura da utilizzare, tutte le misure con valore ufficiale devono essere effettuate secondo questo metodo “di riferimento” oppure secondo un metodo alternativo di cui sia stata dimostrata l’equivalenza al metodo di riferimento. Il metodo gravimetrico è appunto il metodo di riferimento previsto e consiste nella separazione della frazione PM10 o PM2.5 tramite un separatore inerziale (che sfrutta il diverso comportamento alla rotazione di particelle con diametri aerodinamici diversi), la raccolta del particolato su un filtro prepesato e la determinazione della massa raccolta in 24 ore per differenza.

Metodo in continuo

Vedi Metodo automatico

Orografia

Parte della geografia fisica che studia i rilievi montuosi. Nello studio della qualità dell’aria la conformazione orografica di un territorio è molto importante perché influenza fortemente la direzione e la velocità del vento negli strati atmosferici più vicini al suolo e di conseguenza la dispersione degli inquinanti.

Particolari componenti del particolato

La composizione chimica del particolato è molto complessa e variabile, anche a seconda della frazione considerata (PM10, PM2.5,...). Lo studio della composizione può fornire informazioni sul processo di formazione e quindi sulle sorgenti del particolato stesso.

PM10

Materiale particellare – solido o liquido – con diametro aerodinamico minore di 10 micrometri (µm) ossia 10 millesimi di millimetro. Poiché le particelle non sono, di solito, di forma sferica si è introdotto il diametro aerodinamico: una particella ha diametro aerodinamico pari a x, se in aria si comporta come una sfera di densità pari a 1 g/cm3 con diametro uguale a x. Queste particelle sono sufficientemente piccole da poter essere inalate. Per questo inquinante la direttiva 2008/50/CE stabilisce valori limite.

PM2.5 (Particolato fine)

Analogamente al PM10, il PM2.5 è il materiale particellare con diametro aerodinamico minore di 2.5 µm ossia un quarto di centesimo di millimetro e costrituisce un a frazione del PM10. Le particelle più piccole possono penetrare più in profondità nell’apparato respiratorio e quindi sono più pericolose per la salute. Anche in questo caso la direttiva 2008/50/CE stabilisce valori limite.

Principali metalli

Ai sensi della normativa vigente, i metalli da misurare nella frazione PM10 per verificare il rispetto dei valori limite sono:
- piombo (Pb),
- arsenico (As),
- cadmio (Cd), N
- nickel (Ni).

Ai sensi della normativa vigente, i metalli da misurare nella frazione PM10 per verificare il rispetto dei valori limite sono: Piombo (Pb), Arsenico (As), Cadmio (Cd), Nickel (Ni) La loro presenza in atmosfera può essere legata sia a sorgenti di tipo naturale (erosione dei suoli, eruzioni vulcaniche) che antropiche (attività industriali, incenerimento di rifiuti, uso di combustibili fossili, traffico veicolare).

Spazio ALCOTRA

Territorio interessato dal parternariato che comprende cinque Regioni: Piemonte, Liguria, valle d’Aosta, Rhône Alpes e Provence Alpes Côte d’Azur.

Speciazione (Analisi di)

Ricerca delle diverse forme, composti o stati di ossidazione, in cui un elemento è presente in una determinata sostanza.

COLLEGAMENTI UTILI

Questa sezione contiene collegamenti a siti esterni che possono essere utili per approfondire le proprie conoscenze nel settore aria e inquinamento atmosferico.

Aera

Progetto strategico Alcotra, tra Italia e Francia che ha l’obiettivo, tramite la reciproca conoscenza dei sistemi di monitoraggio e previsione, di individuare misure condivise di pianificazione della tutela della qualità dell’aria e strategie comuni per la salvaguardia dello spazio transfrontaliero.

http://www.aera-alcotra.eu

Air Rhône-Alpes: l’observatoire de l’air en Rhône-Alpes

Air Rhône-Alpes, agenzia regionale francese, formata dalle locali agenzie Air-APS, Ampasel, ASCOPARG,Atmo Drôme Ardèche, Coparly, Sup'Air, gestisce il monitoraggio della qualità dell’aria.

http://www.air-rhonealpes.fr

AirPaca Qualité de l’Air Provence-Alpes-Cote D’Azur

Associazione regionale della Provenza, Alpi e Costa Azzurra, che monitora costantemente la qualità dell’aria sul territorio.

http://www.airpaca.org

ALCOTRA 2007-2013

Programma di Cooperazione transfrontaliera Interregionale tra Italia-Francia ALCOTRA, con l'obiettivo di migliorare la qualità della vita e lo sviluppo sostenibile, attraverso la cooperazione in ambito sociale, economico, ambientale e culturale.

http://www.interreg-alcotra.org

Commissione Europea Ambiente

Sezione dedicata all’Ambiente nel sito della comunità Europea che mostra il lavoro che l’UE sta svolgendo per la protezione e la preservazione dell’ambiente (aria, acqua, natura, biodiversità, etc).

http://ec.europa.eu/environment

E-PRTR The European Pollutant Release and Transfer Register

Registro a livello europeo che fornisce dati ambientali da impianti industriali di Stati membri dell'Unione europea e di altri stati come Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Serbia e Svizzera. I dati sono facilmente accessibili e riguardano diverse attività economiche nei diversi settori industriali.

http://prtr.ec.europa.eu

EEA - European Environmental Agency - Air pollution

Sito dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, organo che si occupa di fornire un servizio informativo indipendente sulle condizioni ambientali.

Sezione dedicata all'inquinamento atmosferico:
http://www.eea.europa.eu/themes/air

ETC/ACM - European Topic Centre for Air Pollution and Climate Change Mitigation

Consorzio che si occupa della salute pubblica e dell’ambiente, assistendo l'Agenzia europea dell'ambiente (EEA) in materia di inquinamento atmosferico, rumore e mitigazione dei cambiamenti climatici.

Sezione dedicata all’aria e al clima:
http://acm.eionet.europa.eu/

Banca dati sul monitoraggio della qualità dell’aria:
http://air-climate.eionet.europa.eu/databases/airbase/

Expo2015- Milano

Esposizione Universale che si terrà a Milano dal 1 maggio al 31 ottobre 2015

http://www.expo2015.org

Fédération Atmo

Sito che gestisce e sostiene l’insieme di Associazioni di monitoraggio della qualità dell’aria distribuito in tutto il territorio francese.

http://www.atmo-france.org

Journées Méditerranéennes de l’air

Convegno di due giornate sulla qualità dell’aria e sui cambiamenti climatici nella zona del Mar Mediterraneo, a cui partecipano politici, scienziati, privati, per creare partenariati dinamici per promuovere reti di monitoraggio

http://jma.airpaca.org

medAlp - Il portale web dedicato all'Euroregione Alpi-Mediterraneo

Associazione che attraverso progetto cerca di approfondire la conoscenza del territorio costituito da Piemonte, Liguria, Valle d’Aosta, Provenza-Alpi-Costa Azzurra e Rodano-Alpi.

http://medalp.eu

Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Organo del Governo italiano che si occupa della tutela dell’ambiente (ecosistemi, patrimonio marino, atmosfera) e della sua gestione (politica ambientale, valutazione d’impatto ambientale (VIA), valutazione ambientale strategica (VAS) e autorizzazione ambientale integrata (IPPC)).

http://www.minambiente.it/home_aria

Sintesi legislazione UE - Inquinamento atmosferico

Sito ufficiale dell’Unione Europea che fornisce informazioni sui principali aspetti della legislazione vigente.

Sezione dedicata all'inquinamento atmosferico:
http://europa.eu/legislation_summaries/environment/air_pollution

The European Monitoring and Evaluation Programme (EMEP)

Programma Cooperativo per il monitoraggio e la valutazione della diffusione a lunga distanza degli inquinanti atmosferici in Europa, per risolvere i problemi d’inquinamento atmosferico transfrontaliero.

http://www.emep.int

Transalp’AIR

Cooperazione sostenibile transfrontaliera tra Italia, Svizzera e Francia, che gestisce un insieme di stazioni nei tre paesi confinanti attorno all’Espace Mont Blanc, monitorando il territorio e rendendo le informazioni sulla qualità dell'aria disponibili al pubblico in modo uniforme.

http://www.transalpair.eu